Marc Jacobs, la rock star della moda

Marc Jacobs conclude un sodalizio con Louis Vuitton durato 16 anni, è notizia ufficiale che il nuovo direttore creativo della maison sarà Nicolas Ghesquière.

L’ultima memorabile sfilata dello stilista alla direzione creativa di Louis Vuitton viene allestita al museo Louvre di Parigi. All’ingresso, gli ospiti vengono accolti con un “Benvenuti a una celebrazione, non una retrospettiva” dichiarazione a cui fanno fatica a credere quando sulla passerella riconoscono gli allestimenti delle sfilate precedenti, ma in versione monocromatica: una spettrale giostra con cavalli, una fontana vera, ascensore e scale mobili e a terra pelle nera stampata in tela monogramma. “Abbiamo rivisitato in nero gli elementi della scenografia che abbiamo realizzato negli ultimi anni” ha spiegato Jacobs nel backstage.

Louis Vuitton - Cosamimettooggi

Louis Vuitton

Uno show giocato sulle emozioni, più che sui vestiti: quando le lancette dell’orologio da stazione appeso sullo sfondo hanno iniziato a muoversi all’indietro, la musica ha annunciato la prima modella, vestita solo di un body trasparente ricamato con i graffiti creati da Stephen Sprouse per la Maison e un maestoso copricapo di piume nere ispirato agli indiani d’America.

Louis Vuitton - Cosamimettooggi

Louis Vuitton

I 41 look che hanno seguito questo ingresso spettacolare, erano declinati esclusivamente in nero. Unica concessione al colore, i jeans baggy dalla linea anni ’40.

La collezione della primavera-estate 2014 cita epoche differenti: trucco e capelli giocati sul bianco richiamano l’epoca vittoriana, mentre i vestiti castigati, lunghi fino a terra e chiusi a girocollo sono un omaggio agli anni venti. Lo scenario vittoriano della scenografia è risultato stranamente adeguato ad alcuni pezzi anni ottanta, come gli short, le giacchette squadrate ingentilite da mostrine di piume, i collant ricamati e gli stivaletti da biker. Ogni capo e accessorio è riccamente decorato, con inserti in micro rete, pois, piume e paillette distribuite su più strati di tessuto.

Louis Vuitton - Cosamimettooggi

Louis Vuitton

L’addio di Marc Jacobs a Louis Vuitton è stato anche una dichiarazione d’amore per Parigi, come lui stesso ha dichiarato “Il nero rappresenta per me il colore delle donne più chic di Parigi, è Juliette Gréco, è Françoise Hardy, è Édith Piaf in un tubino nero, è la rive gauche. Mi è sembrato il modo più elegante per mostrare tutte i meravigliosi materiali utilizzati”.

Louis Vuitton - Cosamimettooggi

Louis Vuitton

Jacobs ha scritto nella presentazione di aver dedicato il suo show a tutte le donne che lo hanno ispirato e in particolare “Alla showgirl che ci portiamo tutti dentro”. Anna Wintour, una delle sue muse e direttrice di Vogue America si è così complimentata con lo stilista “La moda ha bisogno di rock star, e non c’è rock star più grande di Marc per Louis Vuitton. Ha capito subito che questo brand è legato al viaggio e Marc ci ha sempre fatto viaggiare con i suoi show spettacolari”.

Non sappiamo dove questo viaggio porterà Marc Jacobs, ma siamo sicuri che continuerà a farci sognare come ha fatto finora.

Louis Vuitton - Cosamimettooggi

Louis Vuitton

Louis Vuitton Fashion Show SS 2014

Elisa
francesco.calculli@hotmail.it
No Comments

Post A Comment