Jeremy Scott per Moschino: un successo

La sfilata d’esordio per la maison Moschino firmata Jeremy Scott è stata un successso. Abbiamo visto sfilare tailleur e accessori ispirati alla famosa catena fast food McDonald’s ma che nei tagli e nelle fattezze strizzavano l’occhio a Chanel, binomio quantomeno bizzarro, ma la moda deve stupire e una sfilata d’esordio deve far parlare di sé e in questo Jeremy ha fatto centro.

La passerella viene invasa da borse con la forma di box del latte o delle patatine, gli accessori – cinture e file di catene – sono vistosi e in oro, Spongebob compare su pull, scarpe e pellicce, sulle stampe degli abiti da sera vediamo confezioni di pop-corn, caramelle gommose e cioccolate, infine il tessuto di un abito da sposa riporta valori nutrizionali. Un vero inno al consumismo avvalorato da un’altra idea geniale: i capi visti sfilare in passerella fanno parte di una capsule collection venduta il giorno successivo alla sfilata.

Un pubblico di eccezione ha preso parte all’evento: Katy Perry (arrivata con un’ora di ritardo) e le sue amiche si sono fatte notare, così come s’è fatta notare la maglietta con cui s’è presentato all’evento Jeremy Scott: “ I don’t speak italian, but I do speak Moschino”. Che dire… e bravo Jeremy!

Moschino Fall 2014 - Cosamimettooggi

Moschino Fall 2014

Moschino Fall 2014 - Cosamimettooggi

Moschino Fall 2014

Moschino Fall 2014 - Cosamimettooggi

Moschino Fall 2014

Moschino Fall 2014 - Cosamimettooggi

Moschino Fall 2014

Moschino Fall 2014 - Cosamimettooggi

Moschino Fall 2014

Moschino Fall 2014 - Cosamimettooggi

Moschino Fall 2014

Moschino Fall 2014 - Cosamimettooggi

Moschino Fall 2014

Moschino Fall 2014 - Cosamimettooggi

Moschino Fall 2014

Moschino Fall 2014 - Cosamimettooggi

Moschino Fall 2014

Moschino Fall 2014 - Cosamimettooggi

Moschino Fall 2014

Moschino Fall 2014 - Cosamimettooggi

Moschino Fall 2014

Moschino Fall 2014 - Cosamimettooggi

Moschino Fall 2014

Moschino Fall 2014 - Cosamimettooggi

Moschino Fall 2014

Elisa
francesco.calculli@hotmail.it
No Comments

Post A Comment