Per tutte le donne che non sono “nanodipendenti”

Non so a quante di voi sia accaduto, a me accade spesso e allora ho detto perché non scriverci un post, in questo spazio in fondo non si parla solo di vestiti, scarpe e borse (soprattutto) ma anche di quello che ci passa per la testa…
Vi è mai capitato che qualche amica-conoscente-sconosciuta vi importuni perché secondo la sua opinione il vostro orologio biologico ha qualche problema?
A me capita sempre più spesso… Ma andiamo per ordine…

Appena tornata dal viaggio di nozze… (non sia mai che qualcuno pensi che il viaggio di nozze non debba servire esclusivamente a riprodursi) la tipa di turno: “Allora niente di nuovo?” con fare ammiccante verso la mia pancia, e io di replica “No proprio niente!” Con la mia faccia che avrebbe voluto aggiungere “Ho solo il ciclo, stronza, finiscila di guardare la mia pancia gonfia”.

Ultimamente però ne ho sentita una davvero bella, secondo persone bene informate starei facendo le pratiche per adottare un bambino russo, evidentemente perché dopo due anni di matrimonio se non fai bambini, o nani come li chiamo io, è impensabile che sia una scelta ma è perché non ti vengono, e allora perché non pensare all’adozione?
Ecco a tutte queste persone io dico, state serene!
Ogni donna è differente grazie a Dio, lungi da me criticare chi ha deciso di avere un figlio a 20 anni o pure meno, se lo ha ritenuto opportuno.
Io però ho sempre pensato che ogni cosa nella vita abbia i suoi tempi e il suo peso, e i nani di peso ne hanno, in primis perché hanno bisogno di un padre che sia un uomo, e di questi tempi per trovare quello giusto ce ne vuole… e magari quello giusto non è proprio quello di cui ti sei innamorata a 18 anni. 
Secondo, i nani richiedono tempo per accudirli, per crescerli e per provare a farli diventare belle persone, con la loro testa, i loro gusti e le loro opinioni, che di persone brutte ce ne sono abbastanza.
Ecco, tutto questo e molto altro ancora richiede tempo e io per ora questo tempo non ne ho abbastanza, per cui mi dedico a un sacco di altre cose che forse alle donne “nanodipendenti” non diranno nulla tipo: al mio lavoro, al mio blog, ai vestiti, ai viaggi, alle mostre, al cinema, al teatro, a qualche serata in discoteca, a cene romantiche “in tranquillità” e provo a riempire la testa di cose che forse un giorno insegnerò a qualcuno, ma quando lo deciderò io insieme al mio uomo; e se anche questo non dovesse accadere la mia vita sarà felice e piena di cose che amo fare.
Quando il nano arriverà troverà un uomo e una donna che lo ameranno perché amano la loro vita.
Nel frattempo se proprio non riuscite ad accettare questo ragionamento potete sempre inventare qualche altra storia… dalla quale prenderò spunto per qualche altro post!

Aspettando il nano continuo a fotografare vestiti…

Per tutte le donne che non sono "nanodipendenti" - Cosamimettooggi Per tutte le donne che non sono "nanodipendenti" - Cosamimettooggi Per tutte le donne che non sono "nanodipendenti" - Cosamimettooggi Per tutte le donne che non sono "nanodipendenti" - Cosamimettooggi Per tutte le donne che non sono "nanodipendenti" - Cosamimettooggi

Riguardo l'Autore /

francesco.calculli@hotmail.it

Pubblica un commento